Il paese di Nessundorme

Cara Malù,
una delle meraviglie di avere un pupetto è la possibilità di ricominciare a leggere libri di favole.
Voglio parlarti di una storia che mi è piaciuta da morire e che in realtà ho ricevuto in regalo molto prima che nascesse pupetto; le mie amiche di sempre mi conoscono e così, per un Natale di qualche anno fa, mi hanno regalato questo libro




Nel Paese di Nessundorme nessuno riesce a dormire e di conseguenza nessuno riesce a sognare; un fiore è solo un fiore, un bosco è solo un bosco e la luna solo la luna. Non esiste la fantasia, non esiste la magia e, soprattutto, non esistono le favole. Ci penseranno i simpatici membri della Combriccola della Mezza Luna a scriverle di nuovo, modificandole a loro piacimento (dato che nessuno se le ricorda più) e a riportare i sogni nel Paese di Nessundorme.

Ecco, questo libro è un segno. E' capitato nella mia vita per un motivo e lo leggerò a mio figlio fino allo sfinimento perchè contiene tutto ciò che credo sia fondamentale per formare un adulto felice: vuole convincere che i sogni sono vita e sono necessari come il cibo, l'acqua e l'aria.

Riporto i passaggi che mi sono piaciuti di più:

" Lei era lì, con le sue orecchie pelose e un’aria misteriosa; con quel sorriso in cui si specchiava ogni cosa bella del mondo. Proprio così, del mondo! Perché Topastrella aveva un dono: era una sognatrice.
"Dove hai imparato a sognare?"   "Da piccola mia madre mi raccontava delle favole. Favole bellissime che ascoltavo prima di addormentarmi.”

“Sai qui è bello però voglio andarmene…perché da quando nessuno mi racconta le favole io non sogno più ed il mio cuore si sta spezzando”.

“Volevamo i sogni e li volevamo per tutti”

“Ecco Geo, una bambina può essere amica di una libellula? La risposta è davanti ai tuoi occhi. Noi della Combriccola siamo tutti amici, eppure ti sembriamo così simili?"

Mamme, io ve lo consiglio tantissimo!! Bimbi, leggete e sognate!

Questo post partecipa all'iniziativa di Ispirazioni & co. Il mese di luglio è Pillole di libri.



Commenti

  1. Certo, Malù! Senza sogni non è vita!

    RispondiElimina
  2. Grazie a te! Son d'accordo Pat!

    RispondiElimina
  3. Pure io, con il pargolo, ho ripreso in mano libri letti nella preistoria (i miei li ho conservati tutti, persino le storielle da 50 lire) e ho la scusa per fare incetta di bei libri per l'infanzia, che altrimenti non leggerei mai.
    Grazie per la proposta.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Di che cosa hai bisogno?

Sono felice e ci faccio caso

Lettera ad un Pirata.