martedì 4 novembre 2014

Ridere

Cara Malù, tu mi dirai, a chi non piace ridere? Eppure ci sono persone che danno proprio l'impressione di non volerlo fare. Io ho avuto fasi della mia vita in cui non volevo ridere. Volevo piangere, arrabbiarmi, stufarmi, stare da sola, crogiolarmi nella disperazione. Senza avere neppure un serio motivo. Non voglio più essere così.
Ridere attira altre risate, attira positività e può davvero fare la differenza nell'essere in grado di migliorare la propria vita. Ho deciso di frequentare chi mi fa ridere e allontanare il resto. Ho deciso di imparare a "sorridere nei guai proprio come non ho fatto mai" perché mio figlio merita una mamma così e se imparerà a ridere di più avrà una vita migliore, ne sono certa. 
In effetti la maternità insegna mille lezioni diverse e tra queste c'è proprio il riuscire a ridere anche dopo notti insonni, pianti e monotonia; basta un versetto buffo, un gioco, una fiaba letta ad alta voce, una canzoncina e il sorriso arriva, dolce, genuino, rigenerante.


http://it.wikipedia.org/wiki/Risata

2 commenti:

  1. E non dimentichiamoci che un sorriso ci illumina il volto e regalarlo è uno dei gesti gratuiti più belli che possiamo fare a qualcuno. Mai smettere di sorridere. Mai. :)
    Ps. Mi piace come scrivi, brava!

    RispondiElimina
  2. aaaaaaahhhh ho un super sorriso adesso, il mio primo commento, grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee :)))))))))))

    RispondiElimina