domenica 7 febbraio 2016

Quello che le donne non dicono...

Cara Malù,

come tu ben sai in una conversazione tra donne non può mancare, in ordine sparso: il pettegolezzo, le novità sentimentali, le novità lavorative, le novità sul trucco/parrucco/abbigliamento/dieta/benessere spirituale/ultimo magico ritrovato per l'epilazione definitiva/mestruazioni ecc ecc, i commenti sulle ultime puntate di The vampire diaries/The originals/Games of thrones/PLL/Chuck/HIMYM ecc ecc..

Nel gruppo wattsup delle Pippe questi argomenti si alternano giocosamente.


Le paranoie sui propri difetti fisici naturalmente non mancano all'appello
Quello che probabilmente ti stupirà (e ti farà sorgere come per magia una nuova sega mentale) è che una di queste, di cui abbiamo discusso recentemente, non riguarda i classici "punti critici" femminili; non si tratta di culo floscio o rigonfio nè di tette cadenti; non si tratta di panza sporgente, cellulite a grappolo, zamponi di gallina; neppure di denti che si accavallano e di capelli bianchi che aumentano. Si tratta di...ASCELLA!

Già. Una di noi ha il patema dell'ascella molle. 

Che tu ti chiederai, che vuol dire? 

DEFINIZIONE: Dicasi ascella molle quella non scavata, non piatta, quella che, con un po' di arroganza e voglia di indipendenza, cerca di staccarsi dal suo incavo naturale per fare capolino dall'elastico del reggiseno e, nei casi più gravi, persino dalla canottiera. 

Quella, insomma, che non ti consentirà mai di fare da testimonial per la Dove o per altre note marche di deodoranti, soprattutto in caso di roll-on, che il roll-on rotola a fatica nella ciccetta ascellosa.

l'ascella perfetta...


Ora, son sincera, io non ci avevo mai pensato. Non osservo generalmente le ascelle altrui e quando compro un vestito senza maniche non faccio caso al punto ascella ma casomai al punto vita (che ormai nel mio caso il punto è stato sostituito da un copertone da neve..).

E invece una di noi, nell'ombra, ci fissava l'ascella...e quando si compra abiti senza maniche guarda per prima cosa l'ascella..anzi, mi correggo, lei NON COMPRA abiti senza maniche ma al massimo, nella peggiore delle ipotesi, acquista con scazzo abiti con la manica corta purché coprente la zona critica o si rassegna ad aggiungerci un coprispalle che non leverà MAI, anche se l'ascella da lì sotto urla, strepita, insulta e prega perché sta annegando nel proprio sudore. 
Naturalmente questo implica la paranoia delle "pezze" che ad ogni modo risulterà sempre il male minore e che sarà facile sconfiggere scegliendo un colore idoneo a mascherare il fattaccio...tipo nero funerale anche se è il 15 di agosto e tutto il mondo intorno a noi risplende di mille colori...mille colori dei fiori, yeah!



La Pippa in questione aveva un'inquilina stracciamaroni a tratti psicolabile e ninfomane, eppure dotata di ascelle bellissime, ovvero scavate e snelle, composte e per niente sconvenienti. Ebbene credo sia stato questo particolare dono ad averla salvata dal linciaggio. L'ascella conta, conta parecchio.

Quindi sappiatelo donne: là fuori c'è qualcuno che vi giudica l'ascella
Magari siete sformate e sfatte, con un look improbabile e i capelli da Flinstones ma non importa. Passa tutto in secondo piano rispetto all'ascella. State quindi attente nel periodo primaverile/estivo agli sguardi indiscreti che colpiscono proprio lì. Curatevi di lei. Non lasciatela penzolare a caso, qualcuna la noterà!

Ora che vi ho donato questa nuova paranoia, fate come per tutte le altre: beveteci su, ripetete come un mantra che andate bene così come siete (io ultimamente lo recito spesso!) e lasciate andare, che sull'ascella non c'è ginnastica che tenga..o forse sì..boh..cerchiamo di prenderci cura di noi stesse, ascelle comprese e ridiamo tanto, alla faccia dell'ascella!

7 commenti:

  1. Mi hai fatto scompisciare dalle risate! ahahahahah ma sei terribile!
    Sai quale è il problema? E' che noi donne diamo troppi sguardi , prestiamo tropa attenzione a quelle ultrafig*e delle modelle e oi guardiamo noi stesse.
    Ma se imparassimo a fregarcene? A dire.. mia cara top model tu avrai questo di bello ma sapessi cosa ho di bello io!!!
    Perchè diciamocela tutta. Qualcosa di bello abbiamo anche noi. Magari per trovarlo ci vogliono trenta paia di occhiali e quattro telescopi, però.... c'è. Da qualche parte ma c'è!
    AHHAHAHAHAHAHAHAAHAHH un bacione stella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Pat....abbiamo delle belle ascelle! Sai come fai rimanere di stucco la figa in questione? ? Ahahah

      Elimina
  2. oddio non ci avevo mai pensato .... e appena vado a casa me la gurdo manco lo ricordo quando l'ho vista l'ultima volta forse si in estate ... di bello c'è che non sudo troppo sotto l'ascella e meno male ... ma anche fosse orribile ....si confonde .. ma ce la si può fare .... occorre schivare gli specchi .... un abbraccio ad ascelle tese !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah l'abbraccio ad ascelle tese è bellissimo ahahah

      Elimina
    2. Ahahah l'abbraccio ad ascelle tese è bellissimo ahahah

      Elimina
  3. un post a dir poco spassoso...
    il dramma delle ascelle mi sconvolge!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Pata...anche noi del gruppo non ci siamo mica riprese del tutto..e ora non riesco più a guardare pubblicità di deodoranti senza ridere ;)

      Elimina