venerdì 12 febbraio 2016

Quindi è San Valentino...

Cara Malù, 

sto per dire una cosa molto, molto impopolare...A ME PIACE FESTEGGIARE SAN VALENTINO!

Da fidanzati spesso ero io a varcare gli Appennini per andare a cena in qualche bell'agriturismo piemontese che per l'occasione organizza una cena un po' speciale..musica romantica, lume di candela, luci soffuse, vino a gogò, cibo a forma di cuore (nel senso che magari il dolce consisteva in un tortino a forma di cuore cioccolatoso)...e a me quest'atmosfera è sempre piaciuta un sacco.




L'ultimo San Valentino a due ce lo siamo voluto godere consapevoli dell'imminente cambiamento..solita cena romantica (questa volta in Liguria) e un pancione a tenerci compagnia e a darci un motivo in più per festeggiare l'amore. 
Seduti al tavolo di fianco al nostro c'era una coppia con un adorabile pargoletto di circa un anno che non è stato seduto un secondo al tavolo...quindi la cena di coppia è diventata un mangiare da soli a turno per intrattenere il bimbo...e noi abbiamo aggiunto consapevolezza dell'imminente cambiamento e ci siamo goduti la serata un po' di più.

Quest'anno salteremo nuovamente i festeggiamenti causa impossibilità di qualsiasi essere umano a tenerci Lollo; uscire fuori a cena con lui vorrebbe dire abbuffarci vicendevolmente al tavolo per darci il cambio nell'inseguire il pargolo tra i tavoli (profetica è stata la serata di due anni fa...!) perché vi assicuro che nulla lo ferma al costo di urla e strepiti spaccacervello...quindi sì, un po' mi girano.

Almeno voglio fare un regalino al Marito e scrivere questo post. 
Ricordando a lui e a me che ci amiamo da 13 anni. Sempre, nonostante tutte le diversità, i malumori, le litigate, la distanza. Una vita insieme. Avevo nemmeno 20 anni che decisi di uscire con questo aitante, e un po' ruspante, nordico che mi trasmetteva così tanta sicurezza e voglia di ridere. 
Se dovessi scegliere un aggettivo adatto alla nostra relazione direi "cazzeggio". Perchè non affrontiamo chissà quali discorsi filosofici insieme, non abbiamo condiviso né studi, né scelte lavorative ma solamente quelle passioni che, evidentemente, contano parecchio, primo fra tutti il ridere per scemate indescrivibili, il buon cibo, il viaggiare, il confidarci sempre, seppure rivelando argomenti scomodi e spinosi. La sincerità, a volte crudele, su quello che proviamo l'uno per l'altra. Senza filtri. E il superamento dei dubbi che ne derivano. Che alla fine siamo ancora qui dopo una convivenza di sei anni, un matrimonio di quattro, un figlio di 18 mesi.

Che siamo ancora qui l'ho capito nuovamente ieri sera quando, nel bel mezzo di un periodo di piattume nel quale è già tanto se mi ricordo di essere sposata, ci siamo fermati un attimo a guardarci: i suoi occhi verdi e grandi segnati da qualche ruga in più (che le rughette le ha sempre avute, pure a vent'anni!), il viso stanco dalla vita di pendolare e di padre, la dolcezza del sorriso. Gli ho accarezzato il viso, un gesto banale che però non facevo da tanto, troppo tempo. Un bacio. Ecco, allora ci siamo ancora.

Per qualcuno siamo rimasti un mistero. Per qualcun'altro siamo una roccia. Per noi siamo semplicemente Sere&Marco, due persone qualunque che hanno deciso di amarsi e che si impegnano a farlo ogni giorno. Perché, si sa, non si sceglie di chi innamorarsi ma continuare a stare insieme amandosi è una scelta

Buon San Valentino amore mio. Dai, facciamolo a casa il dolce cioccolatoso a forma di cuore (cioè, fallo tu..) e sbevazziamo mentre tiriamo due calci al pallone con Lollo e guardiamo l'ennesima puntata di Peppa che siamo felici anche così e abbiamo una vita intera per recuperare la nostra cena.  



4 commenti:

  1. Inizio a sospettare che il nome Marco abbia qualcosa di veramente speciale.............. ^___^
    Io e il 'mio' Marco stiamo insieme da un saaaaaaaacco di anni e mi ritrovo tantissimo in quello che scrivi........
    Aver fatto gli studi insieme, o avere un lavoro simile poco importa, in qualche modo erano e sono 'obblighi', se quando siete insieme piacciono le cose più diverse.
    Ovviamente si possono avere interessi diversissimi ma le cose importanti, i percorsi nel bene di un figlio, la complicità nel 'cazzeggio' hanno un valore inestimabile!!!! ;-)))
    Festeggiate SEMPRE S. Valentino, ogni giorno dell'anno non solo domenica, perchè stare insieme complici in tante cose fa star bene tutta la famiglia e, credimi, i figli questo lo colgono in un istante!!!!!
    Kissssssssssssssssssssss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto Bettina è che tutti giorni purtroppo non ci si riesce e queste ricorrenze aiutano un po ' a ricordarci le cose importanti che andrebbero festeggiare sempre :) un bacione!

      Elimina
  2. Che super dedica cara amica mia!!!!l

    RispondiElimina