mercoledì 4 gennaio 2017

#cosecheamosenzasapereilperché: le Pippe Riunion

Cara Malù,
ormai non è dicembre e non è Natale senza una Pippe riunion a Milano. 
Che detto così, penserai chissà cosa. 
In realtà, il nome "Pippe" deriva da "Pippa Middleton", sorella della più famosa Kate, la quale si è sposata un anno prima di me e ha ricevuto come anello di fidanzamento il mio stesso anello, o forse sono io che ho ricevuto il suo stesso anello anche se di dimensioni notevolmente inferiori. Pertanto, all'epoca era lei la sposa del momento e io divenni la Kate del gruppo; visto che Pippa era la sua prima damigella, loro divennero le mie Pippe. 

Abbastanza semplice e idiota da rimanere il nome del nostro gruppo anche negli anni (e matrimoni) a seguire.

Chiarito ciò, le riunion tra amiche sono da sempre uno dei miei toccasana preferiti. 
Non è scontato ridere di gusto ogni giorno. E, quando si entra nel gruppo dei trentenni, non è neppure scontato riuscire a incontrarsi tutte insieme più di poche volte l'anno, soprattutto se, come noi, abitiamo in diverse città.

La Wonder è andata a convivere. E' riuscita a coronare il suo sogno d'ammmmore. Tutta emozionata, ci ha mostrato il suo bell'appartamentino milanese con tanto di caminetto e doppi servizi igienici. Qualche giorno dopo, è arrivata anche una 
certa proposta..e si riparte con un nuovo addio al nubilato per il 2018!!

Se c'è una persona che merita di essere felice, quella è la Wonder, che sprizza energia e carica positiva da tutti i pori alla faccia della sofferenza che ha dovuto sopportare nel corso della sua vita. Ripetutamente. Se è vero che sono le difficoltà a temprarci ed è da queste che nasce il buono che ci capita nella vita, lei avrà sicuramente un futuro radioso davanti a sé perché non si è lasciata affondare.

La Ciuffo diventerà mamma il prossimo giugno. L'ha comunicato alla Wonder e alla Luisa con il biglietto del regalo di Natale, doni scambiati davanti ad un brunch succulento preparato dalla padrona di casa. La prima reazione è stata di incredulità: le donne sono rimaste immobili e basite. Poi hanno realizzato e hanno finalmente abbracciato la futura mamma. Il tutto è stato ripreso da me che sono sempre la video stalker del gruppo.

Foto Ciuffo
Un tram ci ha portate nel centro luminoso della city e, oltre ai selfie che è evidente non siamo in grado di farci ma ci abbiamo provato comunque (e siamo state pure derise da una marea di giapponesi in gita), siamo andate a prenderci la cioccolata calda di rito, non prima di essere state additate come "signore" da un giovine cameriere che, nel momento in cui ha posato lo sguardo su di noi, si è fatto strozzare in gola la frase "prego ragaz...". E' stato un duro colpo per tutte noi. E comunque abbiamo cambiato bar.

Finalmente, di fronte alla cioccolata calda, ho raccontato della fase finale del mio percorso di coaching e della parte dolente: l'amministrazione delle finanze e delle ore di lavoro. Sono naturalmente scoppiata a piangere in locale pubblico di fronte alla panna della cioccolata. Come si possa piangere al cospetto della cioccolata calda con panna non so, però io l'ho fatto e la Wonder mi ha abbracciata stretta, stretta, la Luisa mi ha detto che "sono sulla strada giusta" e io le credo.

In realtà, so perché amo le Pippe riunion. Le amo perché fondamentalmente sono un'evasione dalla quotidianità, uno scambio di emozioni a cuore aperto, una terapia del sorriso che ci concediamo sempre più raramente. Amo le riunion perché vuol dire che esistiamo ancora l'una per l'altra. 

Quest anno ero particolarmente esaltata all'idea di ritrovarci, tanto da aver stilato una lista di cose da fare sulla mia moleskine del Piccolo Principe. Siamo riuscite a fare quasi tutto (no, la fototessera "anni 90" no...ci accontentiamo dei selfie). L'amicizia tra donne può essere conflittuale a volte ma, se si trovano le compagne giuste e ci si vuole davvero bene, non ha eguali. Si soffre con l'altra e si gioisce con l'altra, anche a distanza.



Foto Micaela Rossetti
Foto Cara Malù


Foto Micaela Rossetti



Se vi andasse di scoprire quali sono le altre cose che amosenzasapereilperché, cliccate sull'etichetta in fondo al post. Quali sono le cose che amate senza una ragione ben precisa?

19 commenti:

  1. Lo sai che non so rispondere alla tua domanda? In genere se una cosa mi piace un motivo lo trovo sempre. Oppure è un trovare una scusa quando si tratta di una sciocchezza??? Mah.. non so dirti.

    Bella reunion, però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti un motivo si trova solo non è detto che sia sempre logico 😉

      Elimina
    2. mah.. penso che un pizzico di follia nn faccia male! :)

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. In effetti un motivo si trova solo non è detto che sia sempre logico 😉

      Elimina
  2. effettivamente ritrovarsi con le amiche è sempre una cosa speciale... perché la solidarietà femminile riesce veramente a fare cose molto, ma molto grandi!

    RispondiElimina
  3. Ai love my Friends.
    Bello è ritrovarsi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Penso che riunioni di amiche di questo tipo siano sempre speciali!mi raccomando, continuate ad organizzarle!

    RispondiElimina
  5. Bellissime, queste reunion! E il nome del gruppo non poteva essere da meno... :D
    Brave brave! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nome è pietoso ma ormai ci siamo affezionate 😜

      Elimina