Tutto quello che ho rischiato di perdermi

colonna sonora del film Dancing with Maria

E penso a quello che ho rischiato di perdermi.
La poesia e la bellezza che commuovono, che rendono la vita di nuovo degna di ogni singolo respiro, che fanno battere il cuore più forte e poi lo fermano per un istante, quello in cui ti è chiaro che ormai non si torna più indietro.
Ormai ti ami e non smetti più. Ormai danzi e ti godi la ritrovata libertà di muoverti. Ormai il brusio intorno a te non ti riguarda.

E piangi di felicità e di stupore, le lacrime ti ripuliscono da tutti quegli anni in cui hai cercato di sopprimere la parte più autentica di te. 
Piangi per le parole crudeli che hai scagliato contro il tuo corpo, taglienti come schegge di vetro, sembravano sparite invece si sono conficcate sotto la pelle e ogni tanto bruciano ancora.
Piangi per la malignità che hai riservato alla tua anima che voleva danzare e tu l'hai derisa, rimproverata e violentata. 
Piangi per la vita che ti sei lasciata passare davanti senza afferrarla, senza neppure provarci a prendere quel maledetto treno perché costava troppa fatica. 
Piangi per ogni singola smagliatura sulla pancia perché le hai volute così tanto da star male e le baceresti una ad una. 
Piangi perché sei così fortunata da avere un'altra possibilità e hai paura di mandare tutto a puttane ma sai che non te lo puoi più permettere, ogni fibra del tuo corpo te lo impedisce e sai anche che l'alternativa è la morte. 

"O danzi o muori" dice una voce dentro la mia testa e so che dice la verità.

Etichette...


...quelle che decido di tenere addosso


Commenti

  1. E allora danza, danza con tutta te stessa!

    RispondiElimina
  2. Sono fasi della vita, Serena. Ci passiamo tutti.
    A volte si riescono a superare, a volte no. Ma se ci si riesce, e di solito costa grande fatica, si vive una vita speciale.
    Buona danza, cara!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Quello che le donne non dicono: la pipì a spruzzo post depilazione.

Arrivederci!

#cosecheamosenzasapereilperché: Il rumore delle bolle di sapone