Quello che le donne non dicono: la pipì a spruzzo post depilazione.

Cara Malù,

potrei raccontarti delle vicissitudini legate al trasloco, del mio ritorno di fuoco alla guida, dell'invasione di formiche in casa, di come il mio umore stia facendo numerosi giri sulle montagne russe ma c'è un argomento molto più urgente e importante di cui ho assoluto bisogno di parlarti. 

Un mese fa mi trovavo a fare aperitivo con due delle Pippe per salutarci prima del trasloco e delle vacanze estive e la Luisa (sì, sempre lei, quella che ha la turba dell'ascella) ha tirato fuori una storia che mi ha turbata non poco..ma partiamo dall'inizio.


Devi sapere che la Luisa si sottopone ogni tot mesi ad una delle torture più intense che possano esistere sulla faccia del globo: la ceretta all'inguine TOTALE, quella che ti fa tornare allo stato neonatale per non dire proprio fetale. Roba da far confessare qualunque crimine mai commesso e anzi ho proprio il sospetto che tutti gli agenti segreti siano costretti a frequentare un corso da estetista proprio per praticare al meglio la manovra estirpatrice.

Ma ciò che ignoravo è quel che succede "dopo": no, non si tratta di irritazione; no, neppure di bruciore incendiario diffuso; no, non è neppure il prurito che potrebbe sentirsi al momento della ricrescita. Il vero problema è che esce la pipì a spruzzo laterale e orizzontale. O meglio, se si prova a fare la pipì piegando le ginocchia senza sedersi, come capita nei bagni pubblici (o quelli privati a casa di zozzoni), la pipì schizza da tutte le parti come se la vagina fosse diventata un irrigatore a spruzzo da giardino!



Io di questa cosa non mi capacito. Ne abbiamo discusso a lungo, finchè non si è sciolto anche il ghiaccio nello spritz, ma non abbiamo trovato una valida spiegazione scientifica. 

Parrebbe da pensare che siano i peli a fare da barriera, tipo la barriera che tiene a bada i Non Morti in Games of Throne e la ceretta la abbatte come fa il "Drago Non Morto" di Denerys e non esiste uno Jon Snow lì sotto che vi ponga rimedio.


La ceretta che distrugge la barriera pelifera


Ma anche ad avere una fitta foresta tropicale che ricopra l'intero pavimento pelvico, come è possibile che lo schizzo non passi comunque? Che sia un pelo impermeabile?

Arrivata a casa, non ho resistito e ho cercato una risposta Googlando "pipì a spruzzo dopo ceretta totale" e il suggeritore di Google mi è venuto incontro indicandomi "pipì STORTA dopo ceretta totale", facendomi quindi capire che non sono la prima a essersi posta il problema e magari esistono anche comunità che studiano segretamente la spinosa (in tutti i sensi) questione da chissà quanti decenni, rinchiusi dentro un bunker sotterraneo che l'Area 51 a confronto è un pubblico mercato. 


Ho quindi sperato di trovare la spiegazione in un articolo il cui titolo mi ispirava attendibilità: "le 22 fasi che vivono le donne dopo una ceretta all'inguine"
Cioè...22 FASI??? E che è, scommetto che nemmeno l'allunaggio ha percorso 22 fasi!! 
Ad ogni modo, mi leggo le 22 fasi e non trovo mezza parola sull'argomento..passo alle domande di yahoo e trovo una ragazza che nel 2015 ha raccontato di avere lo stesso problema di Luisa!! Eureka!! Nei bagni pubblici, racconta la fanciulla, il getto della pipì è come un geyser impazzito..
Tuttavia le risposte non sono molto precise, anzi, sanno vagamente di presa per i fondelli: "guarda che non è per la depilazione, è perché stai storta, cerca di farla piano..".
Eh, grazie. Ma mi pare evidente che la fanciulla in questione ha notato la differenza tra il prima e dopo depilazione..



E niente, la mia febbrile ricerca continua ma non trovo nessuno che abbia il coraggio di affrontare la questione..ho scoperto che molti uomini sono preoccupati del getto irregolare della loro pipì e temono sia causato dalla forma irregolare del pene ma sulla correlazione ceretta totale-pipì impazzita nulla.

Che dire, le soluzioni a questo farraginoso problema potrebbero essere molteplici, come portarsi sempre dietro dei copri water per sedersi anche nelle peggiori delle situazioni igieniche oppure costruirsi una barriera artificiale da posizionare intorno alla vagina prima di far partire il getto, magari chiedendo all'estetista di conservare i peli rimossi (così da salvaguardare l'ambiente con il riciclaggio) e creare dei cuscinetti morbidosi che si potrebbero anche tingere per renderli più trendy, posizionarli in scatolette glitterose da aprire unicamente qualora la situazione lo richieda. Certo, sarebbero usa e getta, il che comporterebbe l'inconveniente di dover attendere la futura estirpazione per creare i nuovi cuscini. Forse sarebbe meglio provare con degli ombrellini della grandezza di quelli da cocktail..basta stare attenti a non confonderli altrimenti altro che cortesie per gli ospiti!

E tu Malù, eri a conoscenza di questo dramma imbarazzante? Conosci qualche donna che condivide il dramma ma si vergogna a confidarlo? Potremmo organizzare degli incontri settimanali per "uretre a spruzzo anonime post depilazione", uno spazio protetto con water auto pulenti dai quali si innalzano barriere di modo da bloccare qualsiasi fuoriuscita, un luogo dove poter condividere soluzioni CONCRETE e DEFINITIVE per il disagio. 

Luisa, noi non ti abbandoniamo!!! 


Commenti

  1. Sarò blasfema, molto blasfema.
    La mia pipì schizza a casaccio e no, non mi depilo completamente.
    Questo inverno, però, proverò a non depilarmi affatto, e ti farò sapere se il getto della mia urina rientrerà in asse, oppure no.
    Conta su di me, amica. Troverai una risposta al tuo quesito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver condiviso la tua esperienza Claudia, è importante fare rete!! La scienza lo vuole!!

      Elimina
    2. Dici che se scopriamo la causa del problema, meritiamo un Nobel?

      Elimina
    3. Mmmm forse ci danno il premio opposto, come si chiama...quello per le minchiate ;)

      Elimina
    4. E no, dai. Allora la vicenda per me si chiude qui. Non intendo immolarmi per la Patria in cambio di niente.
      Luisa, ti sono vicina. Ma la passera glabra anche no. :))))

      Elimina
    5. ahaha l'importante è farla sentire meno sola!!

      Elimina
    6. @claudia, giuro che avrei riconosciuto la tua firma anche senza sapere che il commento lo hai scritto tu: "passera glabra" :-) (ti adoro)

      Elimina
    7. Ahahah
      Ma come?? Di solito sono molto più delicata. 😂😂

      Elimina
  2. 😂 😂 😂 😂
    Questa, Serena, mi mancava proprio.... Senza parole!

    RispondiElimina
  3. se dico che la faccio a spruzzo sempre faccio un danno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no, ogni contributo alla ricerca è utilissimo!

      Elimina
  4. Smetterò di ridere dopodomani!!!!!! Sei stata davvero fantastica!!! 😂😂😂👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻

    RispondiElimina
  5. Veramente a me viene a spruzzo anche senza ceretta totale (che non proverei mai e poi mai, neppure per il parto sono arrivata a tanto). Succede se non controllo il getto o va troppo piano. E poi a me danno problema i pelini, sono quelli che a volte deviano il flusso di lato, con conseguenti macchie...insomma, gira gira e la pipi', per noi donne, è sempre un problema non da poco!
    Vesciche deboli, necessità di privacy, equilibrismi in bagni sporchi, cerette, infenzioni...non stupisce che qualcosa su google si trovi! ;-)!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho questo problema nei bagni alla turca...dovrei spogliarmi per farla perché spruzza ovunque..ma questo sempre, a prescindere dal livello di pelosita! Il mistero si infittisce.......

      Elimina
  6. Ussignur! Donne, mi avete fatto cappottare dalle risate!
    Ma qui bisogna fare uno studio serio e statistiche alla mano (ehm…) con un campione rappresentativo per poi mettersi in lista per il Nobel collettivo! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa sì che è un'ottima idea.. 😅

      Elimina
    2. Oh finalmente un uomo che ci capisce e supporta!! Grande!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tata Pia

Etichette: la danza.