Arrivederci!

Cara Malù,

l'anno che sta per terminare è stato quello che in assoluto ha portato più cambiamenti tutti insieme nella mia vita. 
Una professione abbandonata, una professione in fase di costruzione; una casa e una città a cui ho detto arrivederci, che al mare e a Zena non si può mai dire "addio", una casa e un paese dei quali forse un giorno sentirò di far parte ma che per adesso si limitano a ospitarmi con una certa freddezza.

Ho cercato di affrontare tutto con fiducia e con quel sorriso che mi contraddistingue ma negli ultimi tempi sono un po' crollata, soprattutto fisicamente; il corpo come sempre è il nostro campanello d'allarme e sta cercando di dirmi qualcosa.

Il prossimo anno inizierà con un'altra nuova avventura: il secondo tirocinio in danza creativa avverrà in un asilo nido e io ne sono entusiasta e terrorizzata allo stesso tempo. Si concluderà un ciclo, la formazione triennale, e salutare le mie compagne sarà durissima, già lo so. C'è poi un progetto familiare che, chissà, potrebbe realizzarsi ora che mi pare di avere il coraggio necessario per buttarmi. E a breve saprò se la danza coi nonni della casa di riposo continuerà o finirà con il progetto. 
Insomma, il 2020 si preannuncia ugualmente tosto ma spero anche di iniziare a raccogliere i frutti delle scelte fatte e dell'impegno profuso.

Ci sarà anche un cambiamento che riguarda questo blog perché, dopo lunghe meditazioni, cambierà luogo, aspetto e contenuti per divenire un sito professionale e/o una newsletter, ancora non ho le idee ben chiare, ma sicuramente il suo tempo è finito anche se mi spiace molto ed è come salutare un caro amico. 
Infatti mi sono resa conto che qui scrivo sempre di meno, a volte quasi forzandomi, e non è il modo in cui voglio portare avanti questo spazio. Inoltre l'impegno che mi è necessario per aggiornare e curare un minimo l'unico profilo social nel quale parlo della danza, Instagram,è già per me abbastanza gravoso, sia perché non ho ancora dimestichezza con questa piattaforma, sia perché in generale non sono un "animale da social" ma capisco che sia un canale necessario per far conoscere la danza Fux e il mio lavoro e ho scelto quello che mi pare essere più adatto a me in questo momento; inoltre, man mano che procedo con il tirocinio, mi rendo sempre più conto che il mio amore per la scrittura e le storie può essere messo al servizio della creazione degli incontri perché nella danza Fux la narrazione, in particolare con anziani e bambini, è fondamentale. 
E queste narrazioni, accompagnate da immagini, possono quindi essere raccontate su Instagram come sto cercando di fare dopo ogni incontro. Ecco quindi che il tempo per scrivere sul blog va a ridursi ulteriormente.

"Per ogni cosa c'è un tempo sotto il sole"
Con questa citazione dall'Ecclesiaste ho iniziato il progetto "Un tempo per danzare" e ora sento che è il tempo di voltare pagina anche se si tratta di una pagina "virtuale". Spero che gli amici conosciuti qui avranno il piacere di seguirmi sui social ed io cercherò di passare a leggere i loro blog per non perderli di vista.

Auguro a tutti voi un Natale e un nuovo anno pieni di quella speranza e coraggio che servono per cambiare tutto quello  che sentiamo aver fatto il suo tempo.  

Arrivederci Malù, torno a scriverti in privato sulla carta di un diario e a voi tutti dico arrivederci in altri lidi!

Commenti

  1. Un caro augurio per ogni cosa che deciderai di fare ... qualsiasi strada prenderai ti porti ad esaudire i tuoi sogni ed essere felice ... un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giusina, per caso sei su instagram? Così ci teniamo in contatto!

      Elimina
  2. Mi spiace molto questo tuo arrivederci ma spero di non perdere il contatto tramite Instagram e, in ogni caso, sono felice per te e il tuo nuovo inzio. Svolgere un lavoro che è anche una passione è sempre un successo e io ti auguro che piano piano vada a gonfie vele e ti porti lontano.
    Da una ormai tua ex collega, in bocca al lupo ed arrivederci sui social e sul mio blog, quando vorrai e potrai!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Quello che le donne non dicono: la pipì a spruzzo post depilazione.

Tata Pia

Etichette: la danza.