lunedì 14 dicembre 2015

Il Mago Saul

Cara Malù,

tu già conosci il mio cuginetto Saul e la sua mitica mamma Paola, te ne ho parlato qui.

Quello che ancora non sai è che Saul è un potente mago; ha il potere di "sentire" le persone, di riuscire a captarne alcuni tratti della personalità e decidere così immediatamente se valga la pena instaurare un contatto oppure no.

Come spesso accade, chi è dotato di poteri magici come questi non sempre è capito, anzi, spesso è escluso; eppure, da convinta sostenitrice quale sono che ciò che conta nella vita non sia il numero degli amici ma la qualità di questi, credo che Saul riuscirà a coltivare i suoi affetti e a curarli come fossero gemme preziose, selezionandoli grazie al potere magico di cui è dotato.

Non appena ho letto l'ultimo status della sua mamma sulla pagina FB a lui dedicata, ho pensato immediatamente alla magia e al contest di Ispirazioni & Co. 
Questo è il primo post con cui partecipo all'iniziativa e sono stra-orgogliosa di poter dare il mio contributo diffondendo l'episodio che dimostra le doti magiche del mio cuginetto, nonché quelle di sua madre che è in grado di coglierle e di raccontarle, creando anche lei una piccola magia, quella di averci fatto tutti commuovere nel leggerla.

Ecco lo status che vi invito a cercare e condividere sui social ( la pagina FB di Paola è questa La mamma di Saul) per diventare anche voi un po' maghetti:   

" Oggi Saul mi ha rifilato un'altra lezione, così, spontaneamente, col suo semplice modo di fare. 

Nel primo pomeriggio siamo stati a fare una passeggiata e ci siamo fermati in una bella libreria con tanto di bar accogliente e caldo dove siamo stati "seduti" - si fa per dire - qualche minuto e dove Saul, dopo essersi servito una brioche da solo si è rifocillato di bustine di zucchero... A un certo punto si sono seduti a un tavolo vicino una mamma con un bambino coetaneo di Saul, un'amica e una ragazzina su sedia a rotelle con un problema credo di tetraparesi spastica, un angelo con un viso dolcissimo e molto bello che si batteva di continuo le orecchie con le mani. Ho visto Saul osservarla e poi alzarsi convinto e andare verso di lei ad abbracciarla. Istintivamente stavo fermandolo per paura che le potesse fare male ma mi sono subito resa conto che si trattava solo di un veloce abbraccio, e anche la mamma della ragazzina se ne è resa conto e mi ha sorriso.
Avrei potuto approfittare del contatto per dirle qualche parola in più, ho sentito immediatamente una grande empatia. Invece ci siamo salutate perchè, un po' in ansia, ho portato subito Saul nel settore bambini e ci siamo solo dette che "non abbiamo bisogno di parole" ma a me invece sono rimaste dentro parole e gesti che avrei voluto esprimerle.
Saul è stato più veloce e più abile di me, davvero "senza bisogno di parole" ha fatto spontanemente quello che aveva più senso fare: ha abbracciato quella ragazzina, ha cercato un contatto con lei, lui che solitamente ha paura di chi non conosce, fino a che non ne coglie l'essenza dal modo di fare, dal tono della voce, da quelle sfumature che sfumature non sono... Ha sentito immediatamente che da quella ragazzina non poteva aspettarsi niente di brutto, ne ha colto intuitivamente subito la tenerezza e la solitudine, la vulnerabilità e la diversità. Con lei non ha avuto bisogno di tempo per essere certo di potersi fidare e desiderarne il contatto. Grazie amore per non avere titubato. L'hai abbracciata anche per me!
Autismo... Lezione di vita...".

Ora ditemi che non sentite qualche lacrimuccia spingere per fare capolino dai vostri occhi. 

Grazie Saul e grazie Paola! Vi voglio bene!


Questo post partecipa all'iniziativa Ispirazioni & Co. Il tema del mese di dicembre è la magia.




16 commenti:

  1. E si che qualche lacrimuccia è uscita, la spontaneità dei bambini è disaramante, abbiamo solo da inmparare.

    RispondiElimina
  2. Lezione stupenda!
    I bambini... grandissimi sanno essere. Molto più umani di noi. Più empatici e sinceri.
    Purtroppo crescendo verranno rovinati dagli adulti che non hanno più le loro doti umane.

    RispondiElimina
  3. Sere...solo una parola: GRAZIE per aver trasformato in magia le mie parole... Non sarà forse che sei anche tu meravigliosamente magica e capace di cogliere immediatamente e intuitivamente la poesia che ci circonda?!... Ti voglio bene magica Sere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te che mi fornisci l'ispirazione per questi post :) Un bacione grande a te e al Maghetto eheheh

      Elimina
  4. Una grandissima lezione di vita,bravo Saul!!!

    RispondiElimina
  5. Seguo Paola e Saul dalla scorsa segnalazione, Serena; e ti ringrazio ancora per avermeli fatti scoprire :))

    Un abbraccio immenso a tutte e tre :***

    Regina

    RispondiElimina
  6. Seguo Paola e Saul dalla scorsa segnalazione, Serena; e ti ringrazio ancora per avermeli fatti scoprire :))

    Un abbraccio immenso a tutte e tre :***

    Regina

    RispondiElimina
  7. Un bellissimo post, tanta emozione e una grande lezione di vita.
    Grazie per aver portato ad Ispirazioni & Co. questa magica magia!!!!

    RispondiElimina
  8. Lacrima bella. E grazie a persone meravigliose come Saul, come la sua mamma e come te che questa bellezza possiamo coglierla e farci travolgere. Un abbraccio piccolo grande Saul e grazie♡

    RispondiElimina
  9. Lacrima bella. E grazie a persone meravigliose come Saul, come la sua mamma e come te che questa bellezza possiamo coglierla e farci travolgere. Un abbraccio piccolo grande Saul e grazie♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao pinkg, grazie mille ma io sono solo una messaggera, non ho la spontaneità di Saul e neppure la sua sensibilità, però sì, ho colto la sua magia come tutte voi :) un bacione! Ora vengo a curiosare sul tuo blog!

      Elimina